Seguici su

Bilancio di sostenibilità territoriale 2017

Responsabilità Ambientale

bergamo

A2A è presente nella provincia di Bergamo con diversi impianti per il trattamento e il recupero di materia ed energia; gestisce infatti 2 termovalorizzatori, che producono energia e calore, con una capacità complessiva di trattamento di circa 160 mila tonnellate annue di rifiuti, un impianto di produzione di CSS (combustibile solido secondario), un impianto di stoccaggio rifiuti e una discarica a Cavernago.

Il Gruppo gestisce inoltre 3 centrali termiche e 2 cogenerative per la produzione di calore da immettere nella rete di teleriscaldamento.

280

GWh

di energia prodotta, di cui:
26% elettrica
74% termica

120.000

tonnellate

Di Co2 emesse
(in diminuzione rispetto al 2016)

39.000

tonnellate

Di Co2 evitate grazie AI TERMOVALORIZZATORI E ALLE CENTRALI DI COGENERAZIONE

Confronto emissioni dell'impianto di Bergamo rispetto ai limiti autorizzativi
(media annua) – anno 2017

Confronto emissioni dell'impianto di Filago rispetto ai limiti autorizzativi
(media annua) – anno 2017

Per ulteriori dati della responsabilità ambientale

PROGETTI
pagination

Nuovo servizio di raccolta differenziata

Aprica, in accordo con il Comune di Bergamo e con il supporto operativo della Cooperativa Ruah, ha avviato la raccolta degli oli alimentari esausti prodotti dalle utenze domestiche posizionando 31 contenitori sul territorio cittadino. I contenitori sono stati installati presso Centri della terza età, scuole, uffici e parchi pubblici. Ad integrazione di questo servizio sono stati posizionati altri contenitori presso i supermercati presenti in città della catene Coop, Auchan, Carrefour, NaturaSì, Il Gigante, l’Alco/Despar.

Smart Urban Garden

Nella Valle della Biodiversità, grazie all’Assessorato all’innovazione del Comune di Bergamo, all’Orto Botanico Lorenzo Rota di Bergamo e ad A2A Smart City, verrà realizzato un sistema completo di strumenti e informazioni per controllare con precisione i fattori che concorrono a determinare la salute delle piante, le esigenze di irrigazione e le condizioni climatiche. La fase sperimentale di Smart Green è stata avviata in occasione della visita dei Ministri dell’Agricoltura durante il G7.
Presso l’orto botanico di Astino in provincia di Bergamo, A2A Smart City ha monitorato in tempo reale alcuni parametri ambientali che consentono a chi cura la crescita delle piante e il loro sviluppo di prevenire la proliferazione di malattie e di verificarne costantemente le condizioni.
I dati registrati dai sensori, quali ad esempio temperatura e umidità dell’aria, quantità di pioggia caduta, velocità e direzione del vento, ore di luce, bagnatura fogliare e umidità e conducibilità elettrica del suolo, vengono trasmessi, analizzati e restituiti costantemente in tempo reale, in modo da essere visibili da un qualunque dispositivo collegato a Internet (computer, smartphone, tablet, …).
Sono inoltre stati monitorati gli inquinanti presenti nell’aria come le polveri sottili, al fine di capire i benefici di un’area verde sulla qualità dell’aria e quindi sula vita dei cittadini. Tutto questo è reso possibile dalla presenza della rete tecnologica trasmissiva LoRaWAN.