Seguici su

Bilancio di sostenibilità territoriale 2018

Responsabilità Ambientale

bergamo

A2A è presente nella provincia di Bergamo con diversi impianti per il trattamento e il recupero di materia ed energia; gestisce infatti 2 termovalorizzatori, che producono energia e calore, con una capacità complessiva di trattamento di circa 175 mila tonnellate annue di rifiuti, un impianto di produzione di CSS (combustibile solido secondario), e una discarica a Cavernago.
Il Gruppo gestisce inoltre 2 centrali termiche e 2 cogenerative per la produzione di calore da immettere nella rete di teleriscaldamento.

283

GWh

Energia prodotta di cui
25% elettrica
75% termica

CO2 evitata

37

mila tonnellate

Grazie ai termovalorizzatori e alle centrali di cogenerazione

Raccolta differenziata

71%

A Bergamo e provincia

53%

Dell'energia termica prodotta grazie alla valorizzazione dei rifiuti

88%

Dell’energia elettrica prodotta grazie alla valorizzazione dei rifiuti

Per ulteriori dati della responsabilità ambientale

PROGETTI
pagination

Bergamo e le piazze intelligenti

Abbiamo realizzato 9 piazze smart in diversi quartieri periferici di Bergamo, in cui sono state installate 9 isole digitali con punti di ricarica per dispositivi elettronici, 153 cestini intelligenti, 15 sensori di irrigazione, nonché 6 centraline per il monitoraggio dei parametri ambientali. L’attivazione dei servizi smart è stata resa possibile dalla copertura della città con la rete LoRa, la rete abilitante ai servizi IoT realizzata da A2A Smart City in tutte le principali città lombarde. Il progetto ha previsto inoltre l’estensione del servizio Wi-Fi e il completamento di diversi percorsi cittadini coperti dal servizio di connettività: parchi, biblioteche, centri di aggregazione, zone pedonali, tutta la città alta ed Astino.

Centro del riuso

A partire da un’idea nata dal forumAscolto di Bergamo, nel novembre 2017 è stato inaugurato, all’interno della piattaforma ecologica di via Goltara, il Centro del Riuso, una struttura coperta dedicata e attrezzata, dove i cittadini possono conferire liberamente i beni dismessi per prolungarne il ciclo di vita, in una logica di economia circolare. Qui si possono portare mobili, casalinghi, giocattoli, abiti, libri e in generale beni riutilizzabili da altre persone con piccoli interventi di manutenzione.
Gli operatori della cooperativa EcoSviluppo, che gestisce per conto di Aprica la piattaforma ecologica, sono supportati, nell’attività di cernita, da operatori e da volontari richiedenti asilo, accolti dalla Caritas Diocesana Bergamasca e dalla Cooperativa Ruah. I beni idonei sono poi trasferiti presso il Laboratorio Occupazionale Triciclo, gestito dalla cooperativa stessa, dove possono essere rivenduti, a prezzi accessibili e competitivi, dopo essere stati sottoposti ai piccoli interventi necessari per ripristinarne appieno le caratteristiche estetiche e funzionali.
Dopo circa un anno di attività, si riscontra effettivamente un incremento della sensibilità dei cittadini alla potenzialità del riuso: al Centro sono stati conferiti oltre 24mila oggetti da parte di 1.189 cittadini.