Seguici su

Bilancio di sostenibilità territoriale 2018

Responsabilità Ambientale

valtellina-valchiavenna

In provincia di Sondrio A2A produce energia 100% rinnovabile, attraverso gli impianti di Valtellina e Mese, con centrali sia ad acqua fluente che ad accumulo. L’impianto della Valtellina, composto da 9 centrali, ha una capacità installata di 825 MW. Quello di Mese si articola in 11 centrali per una capacità installata di 375 MW. A Cedrasco è presente anche un impianto ITS, per il recupero della frazione residua dei rifiuti solidi urbani dopo la raccolta differenziata, attraverso un sistema innovativo: il processo Biocubi.


3.012

GWh

di energia elettrica prodotta

1,4

milioni tonnellate

Di Co2 evitate grazie agli impianti idroelettrici

1.414

milioni di metri cubi

Di acque derivate per la produzione idroelettrica

44.478

tonnellate

Di rifiuti trattati

2.301

tonnellate

Di rifiuti prodotti

EMISSIONI DI CO2 EVITATE GRAZIE ALLA RETE E-MOVING
(TONNELLATE)

Per ulteriori dati della responsabilità ambientale

PROGETTI
pagination

Interventi di efficienza energetica verso terzi

Abbiamo realizzato un intervento di efficienza energetica presso lo stabilimento del Salumificio Bordoni, installando una caldaia a biomassa legnosa vergine in sostituzione della precedente a gasolio, utilizzata per fornire il calore necessario al salumificio. La realizzazione dell’impianto a biomassa legnosa altamente efficiente (rendimento del 90% per una potenza di 850 kW) ha permesso di sostituire i combustibili fossili con fonti rinnovabili, a filiera corta, risparmiando 250 tep annue.

Gestione di eventi franosi sugli impianti idroelettrici

Il 29 maggio 2018 una frana ha interessato la statale 36 nel Comune di San Giacomo Filippo (SO), inibendo l’accesso all’intera Valle Spluga. A titolo precauzionale, già nel mese di aprile gli Impianti Mese avevano provveduto ad incrementare il personale presente in Valle Spluga, al fine di garantire un presidio operativo di pronto intervento sia per le centrali che per le dighe A2A ivi presenti. In seguito alla frana, è stato rapidamente costruito un by-pass provvisorio, transitante sul torrente Liro. Gli Impianti Mese sono stati così inseriti, come soggetto interessato, nel “Piano di gestione del rischio idrologico in fase di esercizio della viabilità provvisoria” emesso dalla Comunità Montana della Valchiavenna, che prevede – al raggiungimento di determinate soglie di portata scaricata dalla traversa di Prestone – che A2A informi le autorità competenti e, in presenza di eventi particolari, organizzi un presidio aggiuntivo in Valle Spluga, a garanzia della gestione operativa dei propri invasi e a tutela del territorio sottostante.